Come si diventa attori

Foto di isaac berrocal bravo.

Primavera del 1990, gita a Napoli ai tempi del liceo. In una vetrina di una libreria vedo una copertina nera con su scritto Fare l’attore. Prezzo: 42.000 lire (21,70 € di oggi). Non avevo con me i soldi necessari. Me li feci prestare da un compagno. La domanda che di continuo avevo in testa era: come si diventa attori? Sul pullman al ritorno verso casa lo divorai già. E nelle settimane successive lo lessi e lo rilessi di continuo. Non pensavo ad altro. Mi chiedo di continuo ancora oggi a 48 anni la stessa cosa e ne voglio parlare in questo articolo a beneficio di chi ha pensato allo stesso interrogativo almeno una volta nella vita.

Per la verità tale domanda me la ponevo già quando a cinque o sei anni non guardavo i cartoni animati ma i telefilm americani. Tra i ’70 e gli ’80 non si chiamavano serie tv come ai giorni nostri. Io li guardavo e sognavo di andare in Virginia sul set di Alla conquista del west e diventare un Macahan. A volte desideravo essere, invece, un capo indiano e perciò prendevo delle penne di volatili dallo zoo vicino casa e me le appiccicavo in testa. Al primo tema a scuola dal titolo “Che mestiere vuoi fare da grande” scrissi che volevo comprarmi un cavallo e un revolver e andare in America a fare l’attore nei film western.

Negli USA non ci sono andato, almeno per il momento. E nei film western, che ora si girano anche in Puglia, non ci ho ancora lavorato. Ma ho continuato a farmi quella domanda e l’attore l’ho fatto e penso che continuerò a farlo. È questa, nella mia esperienza, la via da imboccare: “L’artista morto di fame crede che si nasce artisti. L’artista prosperoso sa che deve diventarlo”. Lo scrive Jeff Goins in un suo libro che mi capita di citare spesso in questo blog. Alzarsi ogni giorno e chiedersi come diventare artisti può fare la differenza. Poi vengono le altre domande come, ad esempio, che cos’è la recitazione oppure cosa si studia a scuola di recitazione oppure ancora come recitare ecc.

In altre parole quella del fare l’attore è una sorta di ossessione, almeno per me, che mai mi abbandona, anche nei tempi più bui e cupi e nella mia vita ne ho avuti più di uno. Anche quando per mesi capita di non lavorare, mai penso di abbandonare la strada. Perché anche a questo occorre prepararsi: esporsi a grandi difficoltà ed a fatiche, sacrifici, a volte rinunce. Il successo è instabile: non sai se e quando arriva, non hai idea di quanto durerà. Io l’ho raggiunto più di una volta ma ho dovuto poi ricominciare daccapo. È questa la verità su come diventare attori che nessuno ti dice.

È un po’ come avere la vocazione al sacerdozio per esempio o essere chiamati in una impresa difficile e tremenda. Da un lato sei entusiasta e dall’altro ti chiedi: perché proprio io? Chi me lo fa fare? Non è meglio se lascio perdere? Ma non puoi farne a meno. Non puoi non essere attore o artista. Fa parte di te, sei tu. Mi fanno 😂 ridere per la loro banalità e superficialità anche alcuni “attori” famosi come ad esempio Christian De Sica che in questi casi consiglia ai principianti di provare per uno o due anni a fare l’attore e se non succede niente di importante poi lasciar perdere. A parte che è un tempo troppo breve, come si fa a rinunciare alla tua stessa vita, al tuo sangue stesso, a ciò che ti scorre dentro?

Anche se come ho detto prima ogni giorno devi rinnovare la tua professione di fede, la tua adesione compiendo un passo alla volta: un nuovo casting, un corso da seguire, un libro da leggere, dei film da vedere, esercizi da svolgere, ecc. E intorno a te può anche esserci chi ti scoraggia invece di incoraggiarti, persino chi molla e ti fa venire la tentazione di farlo, chi non crede in te. In questi casi leggi la mia Lettera a un amico artista e vai avanti.

Per il resto se abiti dalle parti di Oria (Br) magari informati sul corso di recitazione che sto per tenere presso la scuola d’arte musicale Palco. Ci sono anche un sacco di materie musicali da imparare se vuoi fare anche il cantante e il musicista. Puoi anche scrivere via WhatsApp al 320 8709942. Ti aspettiamo!

Condividi con i tuoi contatti:
Sostieni il blog

Questo è un blog gratuito e senza pubblicità. Come suo autore impiego molto tempo e tante energie per le ricerche degli argomenti, per la loro elaborazione e pubblicazione. Tutto ciò lo sottraggo ad altre attività che mi diano remunerazione. Il mio obiettivo è dare ancora di più ad ogni lettore, più articoli, più guide gratuite, più risorse. Ma posso farlo solo se mi dai una mano. Per favore considera la possibilità di fare una donazione. Grazie!