Trenta suggerimenti dalle Conversazioni con Dio

Copertina del libro Conversazioni con Dio – Libro Terzo di Neale Donald Walsch

Ho appena terminato di leggere il terzo libro della trilogia di Neale Donald Walsch Conversazioni con Dio. Ho guardato più di una volta il film completo su Youtube ed ero rimasto sconvolto. Così ho preso a leggere le pagine che quest’autore scrive “sotto dettatura”. Mi ha insegnato che io sono Dio. E anche tu lo sei. E anche gli altri lo sono. Sorpreso? Immagino di sì, se non lo hai letto. Sai, tutti facciamo parte di ciò che chiamiamo Dio. A dirla fino in fondo siamo tutti uno. Uno solo è l’Essere, nonostante le molteplicità dell’universo. E questa non è l’unica lezione che ho potuto apprendere. Me le sono segnate tutte e ora ripropongo qui i trenta suggerimenti per la propria vita che si possono ricavare da questo libro:

  1. Devi imparare a essere gentile con te stesso, a smettere di giudicarti;
  2. La colpa e la paura sono gli unici nemici dell’uomo;
  3. Dio ci concede ciò che crediamo sia il meglio per noi;
  4. Dio ha creato ciò che non è per poter sperimentare ciò che è;
  5. Per «sapere che sai» agisci come se sapessi già;
  6. Proprio perché non sei felice non hai tempo, soldi o amore;
  7. Fingi finché non ce la fai;
  8. Qualunque cosa tu scelga per te, inizia dandola a qualcun altro;
  9. Se insegni a un bambino che la rabbia è “sbagliata” da adulto avrà grosse difficoltà a superarla;
  10. Nessuno è preparato peggio di due giovani genitori ad allevare bambini;
  11. È nell’unità che si sviluppa la forza interiore;
  12. Agisci come se fossi unito con tutto il creato e il mondo guarirà;
  13. Credi davvero che il sesso sia separato da Dio? Gioca più che puoi con il sesso 🤪;
  14. Anche nei momenti peggiori, anzi, soprattutto in tali momenti vedi solo la perfezione;
  15. L’Universo è una molecola nel corpo di Dio;
  16. C’è abbastanza di qualunque cosa tu desideri;
  17. Tornerai all’Uno molte volte. Puoi farlo in ogni momento;
  18. Non ricevi ciò che chiedi, ma ottieni ciò che crei;
  19. Dio ha scritto almeno la metà degli episodi di Star Trek 🖖;
  20. Ogni momento termina nell’istante in cui inizia;
  21. Il rifiuto di contemplare la tua morte conduce al rifiuto di contemplare la vita;
  22. L’imperativo biologico non è quello di garantire la sopravvivenza della specie ma quello di sperimentare l’Unione;
  23. Leggi le opere di Deepak Chopra;
  24. Le persone di grande saggezza dormono poco;
  25. Tutta la vita diventa una meditazione;
  26. Il successo è determinato da quanto riesci a far accumulare agli altri;
  27. Il tuo scopo nel divenire umano è decidere, dichiarare, creare, esprimere e realizzare ciò che sei realmente;
  28. C’è una canzone di Joan Osborne che dice: «E se Dio fosse uno di noi? Soltanto uno di noi?»;
  29. Per tutta la vita ti hanno detto che Dio ti ha creato. Io ti dico questo: sei tu che crei Dio 😯;
  30. Non esiste l’aldilà. Esiste solo la vita, non la morte.

Alcune di queste frasi forse non le condividi, altre ti sembreranno scioccanti, sorprendenti e altre stupide e inutili. Le stesse cose che ho pensato pure io leggendo questo libro. Ma poi le argomentazioni a sostegno di ciascuna di esse mi hanno colpito e le condivido. Ti invito a leggerle nel libro e poi a raccontare nei commenti com’è andata.

1 pensiero su “Trenta suggerimenti dalle Conversazioni con Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *