La Roma del Nuovo Rinascimento

Jeff Bezos è stato di recente in luna di miele a Roma con la sua nuova moglie Lauren Sanchez. Si è trattato però di un soggiorno dedicato anche a nuovi progetti. Infatti ha visitato il Colosseo con il preciso intento di dare il via a dei restauri che consentirebbero di ospitare in questa location degli eventi high tech. Appresa ieri la notizia in modalità flash ho chiesto a Dall-e di immaginare “una foto di uno show high tech nel Colosseo di Roma” che è quella che ho postato qui sopra. Siamo di fronte ad una delle grandi possibilità per Roma di mettere in cantiere il suo futuro. La giunta del sindaco Gualtieri ha da tempo dato incarico diretto all’architetto Stefano Boeri di costruire un grande piano di rigenerazione urbana: il Laboratorio Roma050 – il Futuro della Metropoli Mondo. Inoltre la città si prepara al Giubileo del 2025 e all’Expo del 2030, data per la quale dovrebbe anche essere recuperata e completata con una nuova funzione la Vela di Calatrava.

Durante il Rinascimento papi come Giulio II e altri e una serie di mecenati diedero un forte impulso perché la città uscisse dallo stato di abbandono, o quasi, nel quale si era trovata per tutto il Medioevo. Insieme a Firenze divenne uno dei principali simboli di quel periodo. Ne divenne proprio la culla grazie a monumentali opere, in primis la Basilica di San Pietro. Ora i palazzi di quel tempo, le fontane, le altre meraviglie si sono aggiunte a quelle antichità dei Fori Imperiali e di altre zone archeologiche ammirate da turisti e viaggiatori di tutto il mondo. E visto che secondo autori e studiosi come Jacques Attali e altri siamo di fronte ad un nuovo Rinascimento Roma può giocare ancora una volta un ruolo guida, com’è giusto che sia. Il suo rapporto con l’antico e il suo esempio nella storia ne fanno il cantiere ideale a cui lavorare.

Lungi da me affermare che tutti i fondi, o quasi, vanno indirizzati verso l’urbe. L’Italia ha mille altre meraviglie da valorizzare e da realizzare ancora. Quel che voglio dire è che Roma può e deve continuare a sbocciare in tutta la sua grande bellezza presente e futura e che le altre città italiane possono trarne ispirazione e buone prassi. Roma stessa sta prendendo qualcosa, in tal senso, da Milano nel momento in cui con Boeri pensa ad un suo futuro ancor più verde di quel che è adesso. D’altronde la città sta già cambiando, sta migliorando la sua qualità della vita: è risalita fino al tredicesimo posto nel Raporto de Il Sole 24 Ore. Addirittura è al terzo posto per cultura e tempo libero.

E tu come immagini il futuro di questa città? Cosa ti piacerebbe che si riuscisse a realizzare o migliorare? Parlane nei commenti, grazie.

Condividi con i tuoi contatti:
Sostieni il blog

Questo è un blog gratuito e senza pubblicità. Come suo autore impiego molto tempo e tante energie per le ricerche degli argomenti, per la loro elaborazione e pubblicazione. Tutto ciò lo sottraggo ad altre attività che mi diano remunerazione. Il mio obiettivo è dare ancora di più ad ogni lettore, più articoli, più guide gratuite, più risorse. Ma posso farlo solo se mi dai una mano. Per favore considera la possibilità di fare una donazione. Grazie!

2 pensieri su “La Roma del Nuovo Rinascimento

  1. Bellissime iniziative, Roma le merita con il suo patrimonio artistico e culturale unico al mondo ❤️

    • Certo, un patrimonio che lungi dall’essere solo un museo va valorizzato attraverso idee e progetti che ci facciano vivere i luoghi.

I commenti sono chiusi.