Le tre dimensioni di una produzione artistica

Foto di Pixabay

Qualsiasi produzione culturale è bene che abbia tre dimensioni per essere completa e condivisa. Esse sono: gli scambi che essa genera, il piacere o divertimento o diletto di chi la genera e la interpreta e l’occupazione di tutte le figure che vi lavorano. Se ben calibrate permettono il successo e la piena soddisfazione economica. Esaminiamole tutt’e tre.

Il primo termine è dunque “scambi”. Qualsiasi opera se di un certo livello si basa su di essi. Sempre un autore elabora, per esempio, una cultura, dei temi, una visione precedente alla sua e apporta qualcosa che mancava o a cui in precedenza di dava poca importanza. Nel farlo è come se dialogasse con la comunità di chi ne usufruisce: lettori, spettatori, ecc. A volte c’è un vero e proprio traffico di informazioni, notizie, storie di un territorio con lo sceneggiatore di un film o di una serie tv ad esempio. Si tratta di un dare ed avere che tanto più è efficace quanto più si presta orecchio ad un dialogo aperto, sincero, autentico. È come produrre vino: abbiamo bisogno di buoni vigneti, di un buon terreno, ecc. Proprio ieri parlavo della dimensione biologica della cultura. Un territorio, tra l’altro, più lo ascolti e più aiuti a risolverne i problemi e a farlo crescere. E anche dai più biechi fatti di cronaca può nascere qualcosa di bello.

La seconda parola è “piacere”. E qui vorrei fare una domanda: perché andiamo al cinema o vediamo un film? Perché assistiamo a uno spettacolo teatrale? E una risposta tra le tante e forse tra le migliori è per vedere accadere ciò che nella realtà non succede: Chuck Noland che riesce a sopravvivere in Cast Away su di un’isola deserta e a tornare alla civiltà; Vivian Ward, una prostituta, che riesce ad avere una gran bella storia d’amore con Edward Lewis in Pretty Woman; un pugile che non riesce a sfondare e che viene quasi cacciato dal suo allenatore che si trova a incrociare i guantoni con il campione del mondo in Rocky I. Insomma è il diletto di ciò che non riusciamo a vivere soprattutto se l’eroe è come noi, popolare, sfigato.

La terza componente è l’occupazione. In due sensi: quella del lettore che per un certo tempo legge un romanzo o una saga, ad esempio, e quella di chi scrive, produce e distribuisce l’opera. Anche se a ben vedere spesso quella dell’artista non viene visto come un lavoro o quantomeno viene considerato poco stabile, oppure invidiato ed osteggiato, almeno fino a quando non conosce un successo clamoroso. Produrre arte è un lavoro a tutti gli effetti e più lo si fa in modo professionale, costante e con le motivazioni giuste e più diventa produttivo. Sempre più possiamo immaginare scrittori, attori, registi, cantanti, ecc. È ora di togliere tutti i pregiudizi del passato su queste professioni. Per imparare a farlo puoi leggere la mia Lettera a un amico artista.

Cosa pensi tu rispetto a “scambi”, “piacere” e “occupazione”? Scrivilo nei commenti, grazie.

Condividi con i tuoi contatti:
Sostieni il blog

Questo è un blog gratuito e senza pubblicità. Come suo autore impiego molto tempo e tante energie per le ricerche degli argomenti, per la loro elaborazione e pubblicazione. Tutto ciò lo sottraggo ad altre attività che mi diano remunerazione. Il mio obiettivo è dare ancora di più ad ogni lettore, più articoli, più guide gratuite, più risorse. Ma posso farlo solo se mi dai una mano. Per favore considera la possibilità di fare una donazione. Grazie!