Isacco e la nostra trasfigurazione

boy leaning beside an old man
Photo by Pritam Kumar on Pexels.com

Spesso m’interrogo su cosa abbia chiesto di preciso Dio ad Abramo quando nella lettura che viene proclamata oggi, 28 Febbraio 2021, in chiesa si legge:

In quei giorni, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, va’ nel territorio di Mòria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò».

Di quale prova stiamo parlando? Ma soprattutto, Dio mette alla prova l’uomo? Di solito si prova un oggetto, quando si cerca di capire se fa al caso nostro, come una scarpa o un vestito. Oppure si prova una persona in una nuova mansione lavorativa. O un coniuge in qualche modo, se avesse sospetti sul partner, cercherebbe di verificarne la fedeltà. In che senso Dio mette alla prova Abramo? Vuole vedere se ha abbastanza fede in lui? Per fare cosa? Isacco è già nato, la discendenza che Dio ha promesso al padre e a Sara, ritenuta sterile, è già iniziata. Che cosa c’è da provare? Anche ammesso che Dio ogni tanto ci mandasse delle situazioni difficili per “provarci”, per temprarci con Abramo li ha già compiuto la sua promessa. Che altro c’è da fare?

Il senso di questi versetti biblici diventa più chiaro quando si legge questo in Esodo 13,11-13:

11 Quando il Signore ti avrà fatto entrare nel paese del Cananeo, come ha giurato a te e ai tuoi padri, e te lo avrà dato in possesso, 12 tu riserverai per il Signore ogni primogenito del seno materno; ogni primo parto del bestiame, se di sesso maschile, appartiene al Signore. 13 Riscatterai ogni primo parto dell’asino mediante un capo di bestiame minuto; se non lo riscatti, gli spaccherai la nuca. Riscatterai ogni primogenito dell’uomo tra i tuoi figli.

La parola chiave quindi, diventa, il riscatto. Riscattare vuol dire riprendere indietro qualcuno. liberarlo. Quindi Dio chiede ad Abramo di offrire il suo primogenito ma è in realtà Dio che offre ad Abramo Isacco. C’è un doppio movimento: l’offerta di Abramo da una parte e l’offerta di Dio dall’altra. Infatti non gli chiede di immolarlo ma di offrirlo. Isacco viene portato su un monte, verso il cielo e da quel cielo egli viene riscattato, recuperato, liberato. In questo senso ben si fa a mettere in collegamento questo passaggio con il Vangelo della trasfigurazione sul Monte Tabor. Gesù viene trasfigurato, cambia di figura, di aspetto. Le sue vesti diventano splendenti, bianchissime. Il bianco esprime saggezza, fiducia e speranza. Quella di Isacco e di Gesù è quindi una sorta di investitura, come quando nel Medioevo si investiva un cavaliere. È l’inizio di una nuova vita, di una missione, di un pellegrinaggio.

Significativo è il fatto che sia Isacco sia Gesù salgono un monte, un luogo scelto da Dio. Chi salirà il monte del Signore chiede il Salmo 23. E subito dopo risponde chi ha mani innocenti e cuore puro. Io credo che siamo chiamati a trasfigurarci anche noi oggi, a diventare bianchi, saggi, puri, pieni di fede. Troviamo un momento in questi giorni per salire sull’alto monte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *