Il teatro che grida da tetti e balconi

Quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio predicatelo sui tetti dice Gesù nel vangelo di Matteo. E i teatranti la loro voce la fanno sentire dai tetti, appunto, e dai balconi. Sono tanti gli artisti e i gruppi che hanno colonizzato questi spazi alla ricerca di nuovi modi per far incontrare attori e spettatori, complice la pandemia e la relativa gestione dei contatti tra le persone. Così Concita De Gregorio e Sandra Toffolatti a Roma hanno dato vita, ad esempio, a spettacoli sui tetti e nei cortili. E al Rione Sanità, a Napoli, invece i balconi popolari diventano teatri.

E se questi gesti sono necessari in realtà cittadine super-abitate lo sono ancora di più nei piccoli centri del sud. In tal proposito ho già parlato di un teatro che ci manca e che si può fare soprattutto nei piccoli centri. Ho anche indicato tre problemi sociali che le arti della scena possono aiutarci a risolvere. E il percorso che sto indicando inizia a fare notizia. Due giorni fa ne abbiamo anche parlato con gli amici di Idea Radio.

Qui voglio, ora, spendere due parole sulla necessità che i teatranti gridino, predichino persino, dai tetti dei centri semi-abbandonati del Salento, della Campania, della Calabria, ecc. O che richiamino, se vogliamo, come il muezzin la gente che continua ad andare via. Abbiamo bisogno che la vita rinasca laddove ci sono sempre più calcinacci e case pericolanti, anziani costretti a barricarsi in casa con delle inferriate e che spesso muoiono da soli dimenticati da tutti. Questi spazi ora territorio di baby gang debbono e possono essere recuperati, rivitalizzati, rinnovati nella loro vocazione allo spettacolo, al turismo e all’inclusione. In tal senso ho fatto un elenco di dieci idee per spettacoli teatrali alternativi e di successo.

Le arti della scena, performative più in generale, sono sempre più richieste da turisti internazionali e interni, hanno una loro forte e crescente domanda ed è quindi pensabile per un gruppo di persone nel più sperduto centro dell’entroterra di farne un business. Qualcosa di analogo a ciò che sta già succedendo con Hell in The Cave nelle Grotte di Castellana.

Cosa occorre per cominciare? Qualcosa di molto semplice e paradossale: le parole. Anche per questo ogni giorno o quasi sto pubblicando un nuovo articolo in questo blog su tali temi. E sto ricevendo l’attenzione di tanti che si sta già trasformando in alcuni progetti che divulgherò presto. Ti piacerebbe saperne di più? Ti basta contattarmi. Ti invito anche a lasciare un tuo pensiero qui nello spazio dei commenti. E pensa alla possibilità di fare una libera donazione di sostegno alle attività di questo blog. Grazie!

Condividi con i tuoi contatti:
Sostieni il blog

Questo è un blog gratuito e senza pubblicità. Come suo autore impiego molto tempo e tante energie per le ricerche degli argomenti, per la loro elaborazione e pubblicazione. Tutto ciò lo sottraggo ad altre attività che mi diano remunerazione. Il mio obiettivo è dare ancora di più ad ogni lettore, più articoli, più guide gratuite, più risorse. Ma posso farlo solo se mi dai una mano. Per favore considera la possibilità di fare una donazione. Grazie!

2 pensieri su “Il teatro che grida da tetti e balconi

I commenti sono chiusi.